• Realizzazione siti internet Brescia

    Realizzazione siti internet Brescia

  • Posizionamento sui motori di ricerca

    Posizionamento sui motori di ricerca

Realizzazione siti e-commerce

Immagine e-commerce

Realizzazione siti e-commerce: come realizzare un sito che funziona.

Leggendo questo articolo potresti risparmiare un sacco di soldi.

In prima istanza bisogna focalizzarsi sul prodotto e farsi qualche domanda:

E’ un prodotto che vendo solo io ? Ho tanta concorrenza rispetto a questo prodotto ? Quale è il mercato di riferimento per questo prodotto? Che margine ho su questo prodotto ? Quando mi costa la spedizione? Chi vende questo prodotto a quanto lo vende ?

Queste sono le domande base che ci si dovrebbe porre quando si vuole realizzare un sito di e-commerce.

Innanzitutto è fondamentale la prima domanda: E’ un prodotto che vendo solo io?
Questo aspetto è importantissimo, se avete la fortuna di avere un prodotto vostro, quindi unico, allora potete passare al passo successivo, diversamente se il vostro prodotto è venduto anche da altri, il mio consiglio è: fate molta attenzione, pensateci molto bene prima di aprire un sito di e-commerce.

Non è così difficile pensare che nel momento in cui andremo a realizzare il nostro sito di e-commerce, ci scontreremo da subito con tutta la concorrenza che troveremo online, in questi casi l’unica ancora di salvezza è il prezzo. Se il nostro prezzo sarà più basso degli altri allora abbiamo qualche speranza di emergere.

Ma facciamo un piccolo passo indietro.

Ipotizziamo il caso di voler vendere un prodotto già venduto da altri, in questo caso i costi iniziali che avremo sono:

  • Realizzazione sito e-commerce
  • Attività di posizionamento organico del sito
  • Attività di Web Marketing

Il costo maggiore nel lungo periodo che dovremo sostenere è sicuramente dato da tutte le attività di Web Marketing mirate a portare traffico verso il nostro sito.

Campagne Adwords, Comparatori di prezzo, Attività sui canali quali E-bay, Amazon e strategie Social Media.

Il problema in questo caso è che il prezzo del prodotto non potremo deciderlo noi, ma bensì a stabilirlo sarà il mercato ovvero la concorrenza.

A questo punto un rapido calcolo matematico ci aiuterà fin da subito a capire se conviene realizzare il sito di e-commerce.

Sommando tutte le spese mensili e comparandole con il margine che abbiamo su ogni prodotto venduto troveremo quanti prodotti dovremo vendere mensilmente per poter guardagnare. (da questo calcolo ovviamente sono esclusi costi di personale, tasse etc)

Già facendo questo piccolo test ancora prima di inziare a costruire il sito, potremo avere il sentore di cosa potrà succedere dopo aver pubblicato.

E’ per questo che potresti risparmiare un sacco di soldi e tempo se scopri che per “guadagnare” dovrai vendere un numero talmente alto di prodotti che diventa irreale poter fare.

Nel caso in cui invece siate Voi a stabilire il prezzo del prodotto il discorso cambia.

In questo caso diventerete il punto di riferimento rispetto a questo mercato, e quindi avrete modo di sbaragliare la concorrenza, fare grandi numero non dovrebbe essere un grosso problema.

Ovviamente, non avrete problemi, solo nel caso in cui oltre al prezzo offrirete assistenza “quasi in tempo reale”, spedizioni veloci, gestione ordini e resi ottimale e non da ultimo un sito internet molto veloce, mobile oriented e con un usabilità ben definita.

Nel caso di prodotti unici, la stategia varia ovviamente a seconda della tipologia di prodotto.

Andrà sicuramente studiata una strategia di Marketing che non necessariamente sfrutterà tutti i canali canonici, ma a seconda dei casi, potrà prediligere uno strumento piuttosto che un altro.

Una delle opzioni che si dovrebbe percorrere è sicuramente la strada dei Social Media, la seconda potrebbe essere Google Adwords.
Anche in questo caso, l’attenzione deve rivolgersi principalmente ai costi.

Per concludere un piccolo riassunto relativo ai costi di gestione (personale, tasse escluse) che affliggono un sito di E-commerce a regime:

– Hosting
Commissioni sui pagamenti (a seconda del volume di affare possono variare dal 3,5% al 1%)
– Costo delle spese di spedizione (non sempre vengono pagate dal cliente)
– Commissioni su canali quali E-bay, Amazon etc (in questo caso la commissione sulla vendita arriva anche all’11%)
– Costi per campagne Adwords (qui i costi sono variabili, sicuramente è meglio affidarsi ad un esperto per risparmiare ogni mese un sacco di soldi)
– Costi per campagne Social

 

 

 

 

Trackbacks/Pingbacks

  1. Le commissioni sulla vendita online di paypal

Lascia un commento