• Realizzazione siti internet Brescia

    Realizzazione siti internet Brescia

  • Posizionamento sui motori di ricerca

    Posizionamento sui motori di ricerca

Archives for ottobre2016

Vorrei un sito dinamico ed emozionante

Mi capita spesso, quando incontro un cliente, di sentire frasi quali “Vorrei un sito dinamico”, “Il mio sito deve stupire”, “La homepage deve essere emozionale”.

Tutte le volte penso: “Fare questo sito sarà un inferno”.

Quello che mi sconcerta, è che quando un cliente vuole creare il sito internet della sua azienda, non pensa a chi si rivolgerà e alle funzionalità o servizi che dovrà offrire ai suoi visitatori, ma tutto lo sviluppo è rivolto alla sua soddisfazione (che vuol dire principalmente effetti grafici) e nei casi peggiori di qualche amico dell ‘ amico che “smanetta” sui computer.

Talvolta quando spiego perchè ragionare in questo modo non è corretto vengo quasi preso per pazzo o nella migliore delle ipotesi non ascoltato.

Per fortuna nella maggioranza dei casi, riesco poi a convincere il cliente con dati ed esempi oggettivi.

Ma perchè un approccio come quello del cliente è sbagliato ? Perchè quando si crea un sito internet, la prima cosa alla quale bisogna pensare è perchè si sta facendo il sito e a chi è rivolto.

Penso che sia fondamentale, soprattutto oggi, pensare a tutte le componenti del sito, navigazione, contenuti, usabilità avendo ben chiaro il target di riferimento.

Ad esempio, un sito rivolto a persone ultrasessantenni come andrebbe fatto? Alcuni punti.

– Sfondo bianco, testo nero.

– Font standard con una dimensione abbastanza grande

– Link di navigazione ben chiari e visibili, link ad eventuali servizi offerti e/o promozioni ben visibili e su tutte le pagine.

– Titoli delle pagine grandi ed evidenti

– Tutte le pagine del sito stampabili.

– Cercare di mantenere il contenuto della pagina senza dover scrollare troppo

– Indirizzi e numeri di telefono ben visibili su tutte le pagine

Alcune volte penso a siti di successo mondiali, quali Amazon, Ebay, lo stesso Google o Facebbok, e mi rendo conto che di emozionale o dinamico c’è davvero poco e…sono contento.